È consentito l’impiego dei moduli SF con gli inverter senza trasformatore e i poli devono essere collegati a terra?

Al contrario dei moduli a cadmio-tellurio o a film sottile di silicio, i nostri moduli CIS non hanno bisogno di messa a terra per i poli negativi o positivi. Il film TCO dei nostri moduli CIS viene protetto dalla pellicola EVA a causa della loro configurazione a substrato. Il film TCO non viene intaccato dagli ioni positivi di sodio del vetro e quindi non si degrada. Per questo motivo, anche gli inverter senza trasformatore sono utilizzabili senza limiti. 

I moduli possono essere utilizzati in atmosfere corrosive (per es. atmosfera con elevato carico di ammoniaca nei pollai, con elevata percentuale di sale o umidità)?

Sì, i moduli Solar Frontier hanno superato inoltre i seguenti test di certificazione:

 

- Test di certificazione di resistenza all’ammoniaca [certificato TÜV Rheinland del 28 giugno 2013: 2PfG 1917/05.11 “Ammonia corrosion testing of photovoltaic (PV) Modules”] 

 

- Test di certificazione TÜV per la resistenza alla nebbia salina [certificato del TÜV Rheinland del 28 giugno 2013: IEC61701:2012 “salt mist corrosion testing of photovoltaic (PV) modules”].

 

Inoltre, i moduli Solar Frontier Power possono essere installati in ambienti con una umidità relativa compresa tra 45% e 95%.

 

I relativi certificati sono disponibili nella nostra homepage alla voce Certificati.

I moduli rischiano di rompersi in caso di grandine?

Nell’ambito della certificazione prodotto IEC 61646, i moduli sono stati colpiti con dei cubetti di ghiaccio a una velocità di 80 km/h, restando intatti. I moduli quindi non rischiano di rompersi in caso di grandine.  

Il relativo certificato è disponibile nella nostra homepage alla voce Certificati.

I moduli devono essere puliti a intervalli regolari?

Principalmente l’auto-pulizia dei moduli diminuisce in caso di angoli di inclinazione ridotti. In caso di luoghi con elevato potenziale di sporco, la pulizia dei moduli può perciò essere necessaria a intervalli regolari, in particolare in caso di installazioni con ridotto angolo di inclinazione, per assicurare guadagni a lungo termine. Per maggiori informazioni sulle indicazioni di pulizia, consultare il nostro manuale di installazione alla voce Download.

Coma va tenuto in considerazione l’effetto light soaking ai fini della pianificazione degli inverter?

Gli intervalli di tolleranza della tensione a vuoto (“Voc”) e della corrente di corto circuito (“Isc”) non subiscono modifiche a seguito dell’effetto light soaking. Ai fini della definizione della tensione massima di sistema e della corrente massima basta quindi seguire i dati riportati sulla scheda tecnica.

È possibile il collegamento in parallelo di stringhe senza fusibile o diodi per corrente di riflusso?

Se l’impianto viene installato con competenza e senza errori secondo le istruzioni del costruttore, le stringhe possono essere interconnesse in parallelo senza fusibile o diodi di riflusso. 

Alcuni standard di installazione locali tuttavia richiedono esplicitamente la protezione del cavo o del modulo. Si prega di attenersi in ogni caso a tali indicazioni.

Posso disaccoppiare o sostituire componenti singoli dei PowerSet?

I componenti singoli dei nostri Solar Frontier PowerSet sono perfettamente abbinati tra loro e quindi non devono essere modificati. Se i componenti vengono lo stesso tralasciati o integrati, non possiamo assicurare alcuna garanzia per il PowerSet acquistato.

Come si comportano i moduli Solar Frontier Power in caso di incendio?moniaca dovuto ad un allevamento di polli)?

I moduli Solar Frontier Power sono stati sviluppati secondo le norme di tutela della salute e dell’ambiente e sono stati classificati da un istituto di test riconosciuto, secondo EN-ISO 11925-2, nella categoria E. Inoltre, l’Organizzazione per le nuove energie e lo sviluppo industriale (NEDO) in Giappone, il Centro di Ricerca energia solare e a idrogeno (ZSW) in Germania, e il Brookhaven National Laboratory (BNL) negli USA hanno riferito che, in caso di incendio, vengono emesse soltanto piccolissime quantità di gas nocivi. Quindi, dai moduli Solar Frontier in caso di incendio non deriva alcun rischio per la salute.